Corse Net Infos - Pure player corse
I santi

Erasimu hè dettu dinù Elme è Telme in Francia, Elmo in Italia, Eramu è Teramu in Corsica.


Erasimu campava à u seculu quartu. Vescu d'Antiocca à l'epica di e persecuzioni di Dioclezianu, si n'andò à fà u rimitu nantu à a muntagna di u Libanu. Dinunziatu, arrestatu, marturiatu, fù salvatu da un anghjulu chì u guidò versu a pruvincia rumana d'Illiria è po in a Campania duv'ellu diventò u vescu di a piccula cità taliana di Formia, vicinu à Gaeta. Hè mortu marturiatu d'una manera atroce da i Lombardi ariani.

Contanu chì, un ghjornu ch'ellu predicava nantu à un battellu, si calò u tonu. A timpesta era terribile ma, sopra à ellu, u celu era porgu è limpidu.

Santu Erasimu hè aspessu riprisentatu cù un cabestanu è un canapu avvuglinatu. Dicenu chì u cabestanu hè u strumentu di u so martiriu è u canapu e so stintine. E pitture e più celebre chì riprisentanu u martiriu di u santu sò: quella di Hans Burgkmair à u museu di Monacu di Baviera, quella di Farinati in Verona, è quella di Poussin à u Vaticanu.

I fochi di sant'Elmu sò isse fiaccule chì si vedenu in cima di i maghji di i battelli quand'ellu face u timpurale è chì sò create da l'eletricità atmosferica.

Casate : Terami, Terramorsi.

Nomi : u nome Teramu vene da l'appicciu di a "t" di Santu cù Eramu. Ghjè un fenomenu linguisticu cunnusciutu. In francese, Saint Elme si scrive dinù Saint Telme. Pensate à certe donne corse chì, vulendu sfrancisà, u lavatoghju u chjamavanu u "lévier".

Paesi è cità : Gaeta, Napuli. In Corsica: Bonifaziu, Cervioni, Erbalonga.

Prutezzione : donne in partu, marinari.


Potinu è Biandina facenu parte di i 48 Cristiani marturiati in Lione in l'annu 177. Potinu, vescu di Lione, era u più vechju, avia 90 anni. Biandina, una schjava, era a più giovana.

Prutezzione : Biandina hè a santa patrona di e giuvanotte.



Tags : Lingua corsa
Lundi 2 Juin 2014 à 00:25

Ghjustinu hè natu in Palestina versu l'annu 100. Inchietu di a so sorte è circhendu u veru, hà studiatu tutte e filosufie. Hè statu delusu da i stoichi, da i peripatetichi è da i pitagorichi. Ma, leghjendu à Platone, hè entratu in visibiliu.


Hà dettu: "Mi s'hè parsu chì, prestu, averebbi cunnusciutu u Signore. Allora, mi ne sò andatu solu in un locu desertu, in bordu di mare".

Custì, hà trovu un vechju chì filosufava ancu ellu è chì l'hà dettu: "Prega sè tù voli truvà a luce". Ghjustinu hà lettu e Sante Scritture è hà pregatu. È hà cunnusciutu a fede è a pace.

Hà passatu u restu di a so vita à leghje è à insegnà. Di i so scritti, ne resta trè: duie Apolugie di u Cristianismu è un Dialogu. Era andatu in Roma per apre una scola, scunvince i pagani, è furmà d'altri apolugisti.

Hè statu arrestatu per via di a so azzione prupagandista. Pudia francassi di a cundanna s'ellu avia rinunciatu à a so fede, ma disse à u ghjudice: "Quandu omu hà trovu a verità, ùn si volta micca in l'errore". È cusì hè statu cundannatu à morte.

Etimolugia : da u lat. "justus" (ghjustu, ragiunevule).

Casate : Giusti, Giustini, Giustiniani.

Nomi : Ghjusta, Ghjustina, Ghjustiniana, Ghjustinianu, Ghjustinu, Ghjustu, Giusta, Giustina, Giustino, Giusto, Justa, Juste, Justin, Justine, Justinien, Justinienne, Justino, Justis, Justus.

Prutezzione : Ghjustinu hè u santu patrone di i filosufi.

Panfilu era un Libanese di Beirut natu versu l'annu 240, mortu in Cesarea di Palestina u 13 ferraghju di l'annu 309.

Dopu à avè studiatu in Alessandria, si era fattu prete è avia fattu scola in un stabilimentu creatu da Origenu in Cesarea marittima. Custì, ci era una biblioteca magnifica. Ellu l'hà accresciuta sinu à 30.000 vulumi.

Quand'ellu scrisse una Storia Ecclesiastica, l'arrestonu. Fù marturiatu è lampatu in una prigiò duv'ellu stete dui anni scrivendu una Apolugia di Origenu. Da prigiò u ci anu cacciatu per tumballu.



Tags : Lingua corsa
Dimanche 1 Juin 2014 à 02:36

Maria chì ghjera incinta per opera di u Spiritu Santu, fece una visita à Lisabetta chì, ella, era incinta di Ghjambattista u Precursore.


Lisabetta a salutò cù e parulle chì sò oghje in l'Ave Maria: "Benedetta sie tù frà e donne, è benedettu sia u fruttu di u to ventre". È Maria rispose: "L'anima meia magnifica u Signore".


Pieretta, o piuttostu Petruniglia, postu chì i sapienti dicenu chì u nome di issa santa era u feminile di Petroniu è micca di Pieru, hè riprisentata, in e pitture è e statue, à spazzula in manu.

Dicenu ch'ella pulia a casa di Petru, l'apostulu. Certi pretendenu ch'ella era a so figliola spirituale, ricunnuscente di esse stata cunvertita. D'altri, ch'ella era a so vera figliola.

Petruniglia hè stata a Santa Patrona di a Francia sinu à u seculu dicessettesimu. Tandu, "Pierette, Périne, Pérette è Pernelle" ci ne era tantu è più. Arricurdemuci di a favula di La Fontaine: "Pérette et le pot au lait".

Etimolugia, casate è nomi : Cf Petru (29 ghjugnu).



Tags : Lingua corsa
Samedi 31 Mai 2014 à 00:07

Ferdinandu u Terzu hè u rè di Leone è Castiglia chì hà cacciatu l'Arabi da l'Andalusia. Era natu in u 1199 vicinu à Salamanca.


L'Arabi musulmani anu occupatu a Spagna da l'annu 771 à l'annu 1492. Ci si sò dunque mantenuti quasi ottu seculi.

Quandu Ferdinandu u Terzu hè statu fattu rè, avianu digià persu a Castiglia, u Leone, a Navarra è l'Aragone. Ellu fece a guerra à quelli chì restavanu è quand'ellu hè mortu, u 30 maghju 1252, ùn avianu più chè l'emiratu di Granata.

Hè Ferdinandu chì hà fattu chì a parlata castigliese hè diventata a lingua spagnola.

Ferdinandu era u cuginu carnale di San Luigi, rè di Francia. E mamme eranu surelle. Tramindui anu guvernatu cum'è omi ghjusti è devoti.

Etimolugia : da u germanicu "fried" (prutettore) è "nant" (arditu, risulutu).

Casate : Ferdinandi, Ferrandi, Ferrandini, Ferendini.

Nomi : Ferd, Ferdie, Ferdinand, Ferdinanda, Ferdinande, Ferdinando, Ferdinandu, Ferdl, Fernand, Fernanda, Fernande, Fernando, Fernandu, Ferranda, Ferrandu, Ferrante, Fertel, Friedenand, Hernando.



Tags : Lingua corsa
Vendredi 30 Mai 2014 à 01:06

Massiminu era vescu di Trevi, in Alemagna, quandu, l'annu 335, ghjunse in issa cità, cum'è esiliatu, santu Atanasiu.


Massiminu udiava è cumbattia l'Ariani. L'annu 343, u cunciliu arianu di Filippopolis, in Bulgaria, l'hà scumunicatu, ma, in Trevi, era ellu u patrone è fù arcivescu di a cità sinu à ch'ellu hè mortu, u 12 sittembre di l'annu 349.

Etimolugia, casate è nomi : Cf Massimu (14 aprile).


Gherardina di Toscana hè stata maritata per forza cù un giuvanottu bon cristianu chì, ellu dinù, vulia stassi figliu. Dopu à avè campatu inseme qualchì annu, si sò staccati. Ellu si hè fattu frate camaldulese à San Savinu di Pisa, ella, terziaria in listessa cungregazione.

Gherardina hà campatu cum'è una rimita in una cellula fora di l'abbazia. Hè morta in u 1240.

Etimolugia, casate è nomi : Cf Gherardu (3 uttobre).



Tags : Lingua corsa
Jeudi 29 Mai 2014 à 00:16

Ghjermanu hè natu versu l'annu 496 in Augustudunu, l'attuale cità di Autun, in u dipartimentu di a Saône-et-Loire.


U so amicu San Furtunatu hà contu ch'ellu hè natu è hà campatu per miraculu. A mamma si vulia scuncià ma ùn a ci fece. Una zia li avia preparatu un velenu ma hè u figliolu di issa dunnaccia chì u s'hà betu.

Ghjermanu hà studiatu in Aballone, l'attuale Avalon, in u dipartimentu di l'Yonne. Hè statu parechji anni ind'un parente ch'ellu avia in Burgogna è po, à 35 anni, si hè fattu prete.

À 40 anni, l'anu datu a direzzione di l'abbazia di Sinfurianu, in a cità nativa, occupata da frati di San Basiliu. Ghjermanu, à quelli frati ùn li piacia, chì ghjera troppu severu, è si ne sò sbarazzati.

Tandu, u figliolu di Clodoveu, rè di Parigi, u si pigliò cum'è vescu. Custì hà pruvatu à amendà i figliulini di Clodoveu. Quelli eranu cristiani, ma u so istintu era salvaticu, è ùn pobbe adestralli.

Hè San Ghjermanu chì hà creatu l'abbazia San Vincensiu, diventata celebre cù u nome di Saint-Germain-des-Prés.

Hè mortu u 28 maghju di l'annu 576. Avia una ottantina d'anni.

Etimolugia : da u lat; "germanus", (di listessu sangue, di listessa razza).

Casate : Germani.

Nomi : Garmon, Germain, Germaine, German, Germana, Germano, Germanus, Germentsje, Germina, Ghjermana, Ghjermanu, Guermana, Guermane, Guermoussia, Jermen.



Tags : Lingua corsa
Mercredi 28 Mai 2014 à 00:16

Santu Agustinu hè l'apostulu di l'Inghilterra duv'ellu hè statu mandatu da u papa Gregoriu Magnu. Era un frate di San Benedettu. L'annu 597, di veranu, sbarcava quallà cù quattru cumpagni. Avia per missione di evangelizà i Sassoni, stabiliti in u paese 120 anni nanzu, dopu à a caduta di l'imperu rumanu.


A missione ebbe gran successu. Ettelbertu, u più putente di i rè sassoni, fù battizatu è fece una cattedrale è un munasteru in a so capitale di Canterbury. In menu di sei anni, trè viscuvati eranu creati: Canterbury, Londra è Mancester.

In Inghilterra, ùn ci era micca chè pagani. In u paese gallese, i Celti eranu cristiani è, cun elli, Agustinu hè statu sgalabatu. Quand'ellu hà cunvucatu i so veschi per fassi ricunnosce cum'è primatu è falli accettà a liturgia rumana, l'hà ricevuti à pusà, senza una cria di famigliarità. Quelli ùn volsenu stà à sente nunda è si ne sò andati.

Etimolugia, casate è nomi : Cf u 28 agostu.



Tags : Lingua corsa
Mardi 27 Mai 2014 à 00:47

Filippu era di i Neri di Firenze, una famiglia chì campava in u benistà. Hè natu in u 1515. Era un zitellu intelligente, sempre alegru, amatore di puesia è di musica. À l'età di 20 anni, si ne và in Roma duv'ellu campa sinu à a morte, à 80 anni, u 26 maghju di u 1595.


In Roma, per vive, principiò per dà qualchì lezzione è scrive puesie ch'ellu vendia. A sera, in a so casa, ricevia unipochi di giovani è ridianu, ciarlavanu, cantavanu. Dopu, Filippu li cantava u Vangellu.

À 37 anni si hè fattu prete è ghjè diventatu u predicadore è cunfessore u più celebre di a capitale.

Avia pigliatu l'abitutine di dì a so messa in privatu per via chì ci truvava tantu piacè chì a celebrazione durava ore è ore. Ci si preparava ghjuchendusi cù u so misgiu, è po cullava à l'altare è entrava in visibiliu. U servente u lasciava solu è ùn vultava chè quand'ellu sentia sunà a campanella.

Filippu avia 60 anni quandu u papa li dete a vechja chjesa di San Ghjilormu. L'hà rifatta, aghjunghjenduci un pezzu per pudè pregà è cantà. Issu pezzu, u chjamavanu l'oratoriu. Hà datu u so nome à issi drami lirichi nantu à parulle religiose cù soli, cori è orchestru. Hè dinù custì chì ghjè stata creata a Cungregazione di l'Oraturiani, una adunanza di preti seculari, liberi di fà ciò chì li piacia.

Etimolugia, casate è nomi: Cf u 3 maghju.

Paesi è cità: Italia (26 maghju), Parigi (21 maghju). In Corsica: Soriu.



Tags : Lingua corsa
Lundi 26 Mai 2014 à 00:43

Suffia era nata u 13 dicembre 1779 in Joigny, piccula cità di l'attuale dipartimentu di l'Yonne. Si chjamava Madeleine-Sophie Barat. U babbu era un picculu vignaghjolu di a Burgogna.


Suffia avia un fratellu prete, più vechju chè ella di ondeci anni. Era un omu stranu. Hà educatu cumu si deve a surella, amparenduli grecu è latinu, ma ùn li permettia nisunu riposu, nisunu piacè, nisuna gioia è, per un sì o per un nò, a schjaffittava. Un ghjornu chì li uffrì un rigalu, u li spulò in faccia.

A campa, per Suffia, fù à 20 anni, di scuntrà in Parigi un ghjesuitu, Patre Varin.

Varin avia in l'idea di fà un istitutu pè e figliole di i nobili è di i ricchi burghesi. Suffia era a donna chì li ci vulia per issa realizazione.

In u 1801, in un cullegiu d'Amiens, nascia a Cungregazione di e Donne di u Sacru Core di Ghjesù. Suffia, chì avia tandu 22 anni, ne fù a direttrice.

A Cungregazione hè stata ricunnusciuta da u papa in u 1815. Trentacinque anni dopu, pussedia 65 case in Francia è fora di Francia. Maddalena Suffia era diventata una educatrice assai capace. Per l'eleve, bastava à fà u cuntrariu di ciò chì u fratellu avia fattu cun ella: lascià l'anime sbucciassi è micca tiranizalle.

Etimolugia : da u gr. "sophia" (saviezza).

Nomi :  Fei, Fia, Fieke, Fiken, Fletje, Sadhbha, Sofa, Söff, Soffi, Sofia, Sofie, Sofija, Sonia, Sonja, Sonya, Sopherl, Sophia, Sophie, Sophus, Sophy, Süff, Suffia, Sufia, Zoffi, Zofia.



Tags : Lingua corsa
Dimanche 25 Mai 2014 à 00:01

Dunazianu è Rugazianu eranu fratelli. Campavanu in Condevincum, l'attuale cità di Nantes, dipartimentu di a Loire-Atlantique, à l'epica chì Massiminu era imperatore, dunque trà l'annu 235 è l'annu 238.


Dunazianu era Cristianu. Rugazianu si preparava à esse battizatu. Dinunziati, sò stati cunvucati davanti à u legatu di l'imperatore.

U legatu disse à Dunazianu:

- "Ùn ti cuntenti micca di ricusà u cultu di Giove è d’Appollu, ma predicheghji quellu di u Crucifissatu è cunverti ghjente".

- "Eiu vurebbi caccià tuttu u mondu da l'errore", rispose Dunazianu.

U ghjudice u mandò in prigiò è fece vene u fratellu. Li disse:

- "Cumu hè? ancu tù ti voli imbruttà cù u battezimu? Sì à tempu. Rinuncia !".

Rugazianu fece listessa risposta chè u fratellu.

U lindumane sò stati marturiati nantu à un cavallettu è scapati.

Avianu passatu tutta a nuttata à pregà è à basgiassi. Rugazianu, in a so nucentità, credia chì i basgi di u fratellu pudianu sustituì l'acqua di u battezimu.

Etimolugia :  da u lat. "donatus" (datu da Diu, cuncessu da Diu).

Casate : Donati, Donatini.

Nomi : Donat, Donata, Donatella, Donatien, Donatienne, Donatio, Donato, Donatu, Donella, Donelle, Donetta, Donna, Dunata, Dunatu, Dunaziana, Dunazianu.

Paesi è cità : Nantes.

Prutezzione : tonu è inundazioni.



Tags : Lingua corsa
Samedi 24 Mai 2014 à 01:06
1 ... « 2 3 4 5 6 7 8 » ... 56











    Aucun événement à cette date.




Newsletter



Galerie
Halloween Calinzana
Halloween Calinzana
1er palmarès d'architectes en Corse
1er palmarès d'architectes en Corse
Universita di Corsica-CNRS
Sfida Capicursina
Sélection coupe du Monde de la pâtisserie
 Salon du chocolat de Bastia
ACA-Nancy
Rhodanus
Mohamed Hamidi présente Une Belle Equipe
Da Capandula à Santa Maria
Salon du chocolat Ajaccio
Mercatu di Natale
Trophées énergie
IMG_7708