Corse Net Infos - Pure player corse

"Girandulata Murtale" di Pierrot Poggioli


Rédigé par H.N. le Samedi 10 Mars 2018 à 11:01 | Modifié le Samedi 10 Mars 2018 - 11:19


Prima nuvella di Pierrot Poggioli in lingua corsa, Girandulata Murtale ci purta in a Gravona dopu a guerra 39-45. In a vita di Paulucciu.
Scontru cù l'autoru.


- Omu cunnosce i vostri scritti pulitichì, u caminu di a vostra vita, i ghjassi di a vostr'andatura a pro di a Corsica, mà menu u Pierrot Poggioli scrittoru di nuvelle.
Pudete spieghà parchì avà avete dicisu di passa à a scrittura di fizzione ?

- Aghjù scrittu libri anant’à a Corsica dipoi l’annate 70, annate di a me presa di cuscenza pulitica. Eru divintatu un ghjuvannottu è eru alora partitu in facultà. Mà avante avviu cunisciutu un’alltru mondu, mondu assai sfarente di quiddu di a vita citadina è di quidda in Francia.. Hè u menu cheddu si pò dì... Si pò parla viramente di “chocs cuturels”. Pinsavu tandu assai à a mé ziteddina in paese, annate 60, è à tuttu ciò che avvia vicutu quandu ci campavu..
Era una vita di disgraziera pà i me paisani è i ziteddi un’avviani tant’affare, tanti richezze è tanti “vezzi” alora parchi soldi un ci n’era che in qualche case.. A guerra di 40-45 era sempre presente...incù i morti è i farriti, è a ghjente ci pinsava sempre, spirendu mài più rivedda sti tempi chi avviani toccu tanti famiglii. Mà era firmatu pà mè un “paradisu”. Stu paradisu, à u filu di a mè vita divintarà un “paradisu persu”, ancu s’eddu ci vole sempre à andà al-dila di a
nustalgia è avanza inn’a vita.
U mondu com’à u paese, com’à nostra Corsica cambia, mica sempre in bè ò in megliu, è ci vulia à fa listessa, pà u megliu almenu.
I libri, ghjurnale, radiò ò televisiò, tand’un ci n’era in casa.. Alora a ghjente campava incù u sognu, i raconti, e storie,vi ramenti, e favule, e canzone... U misteru di a vita è di a morte, al-dilà di a religione, era sempre in ogni locu, è in capu à tutti... mitificatu dà a manera di cunta à u fucone ò quandu i paisani s’accugliavanni pà e bone cose, - nascite, batesimi, matrimonii, aiuti pà i travaglii campagnoli - ò pà i cattivi mumente, comme i doli è l’interri... È ‘annate passendu, di ziteddu divintatu ghjuvannotu, di quandu eru in facultà, eppoi dopu à u filu di a me vita, un puddiu scurdami di sti tempi chi m’avviani marcatu pà sempre. Hè cusi che mi sogu sempri prumessu di scrivà un ghjornu sta storia pà cuntà st’epoca è sta vita, pà cuntà a Corsica campagnola di tandu... altri tempi, altra vita, mà a mè “corsica corsa” !


- Girandulata murtale conta a storia d'un paisanu - Paulucciu - (vostru paisanu di Carbuccia )  è d'una donna misteriosa. Parchì sta storia ?
) Com’a diccià, televisiò, tandu ci n’era poche è mica.. Ghjurnale è libri dinnò.. S’imparava incu ciò che ci cuntavani e parente, è i vicini, ò à scola dopu quandu avviami cinqu’anni. Alora si cuntava a vita è a morte, e storie di e famiglie, a vita di tandu ò passata. Era quissa a manera di trasmettà a memoria di tutt’ognunu ò a memoria culettiva, a memoria di Carbuccia, di a Gravò è ancu di a Corsica, à l’usu di tandu, aragnata à salza d’ognunu... è sti raconti si passavani à u fucone, e serate d’invernu, ò quandu i vicini si truvaiani annant’a e banche davant’à e case di l’unu è di l’altru, ò quandu l’omi ghjunghjivani di l’orti è chjachjaravani ingiru à a tavula in casa... di tuttu è di nudda... L’affare s’hè passata una sera davant’à u fugone, avvia quasi cinq’anni, erami d’invernu, fora piuvia assai è u tonu sunava. U paese era scuru parchi lume publicche un ci n’era tandu, è un pinsavami maì à anda fora parchi avviami a paura di u bughjiu.
U me babbu ci hà contu, à mè é à u me frateddu più anzianu, sta storia straurdinaria.. Aghjù avutu quidda sera una bedda paura tutt’a nuttata quandu sogu andatu à dorma.. Parecchji volte, l’aghjù dinnò intesa, in mezu à d’altre storie di morte... Un l’aghjù mai scurdata apurù si à u filu di a vita, e paure di a ziteddina sò sparite..

- Ma, al dillà di a storia, di a fantasia è di u mistieru, ferma a Corsica di tandu è a Gravona di a vostra ghjuventù. Parlà cusì di sti locchi à l'epica hè, per voi, una manera dì cuntinuà un travagliu puliticu è un'analisa di i scambiamenti di a Corsica ?
- M’hè parsu poc’à pocu di u me ingaghjamentu, ch’edda era tutta sta spirienza, bona ò cattiva, sta memoria di a vita campagnola, incù e me parente, a me famiglia, i me cumpagni di tandu, a cummunutà paisana carbuccesa, chi m’avvia purtatu à riflettà anant’a tutt’e cambiamente accaduti dopu, di l’omi è di e situazione di l’unu è di l’altru, di u paese è di a Corsica... è aghjù capitu che tuttu di qualche manera era ligatu.
Podasse s’avvia avutu un’altra ziteddina, un’altra manera di campà, un sariù podassi mica divintatu un militante di a causa corsa è un mi sariu mica podassi ingaghjatu ò almenu di a listessa manera ò pà a listessa causa.
Era par mè sta manera di campà, mica sempre comuda chi m’avvai furmatu è purtatu à pinsà è aghjiscia d’una certa manera, intantu ch’omu è in tantu che corsu.. A me cultura, a cultura corsa, chi impegna u mè ingaghjamentu è a mè scelta di vita era, è hè firmata quidda di à mè ziteddina è di à me ghjuventù. È ghjè cusi ch’aghjù sempre avutu a brama di cuntà sta vita..
Altri tempi di sicuru, mà a Corsica chi m‘ha fattu è chi hà fattu ciò che sogu divintatu oghje. Stu librettu di memoria hè duncqua di fattu in un filu di ciò che aghju scrittu anant’a Corsica d’oghje...


- Avete fattu a scelta di scrive in a vostra lingua, vole dì un corsu micca academicu... Quì dinu purtete una brama per a Corsica è a so linguà : dillinà appena u nostru rapportu à sta lingua, per fallà campa. Pudemu spera un avvene più glubale per a lingua ?
- A lingua corsa, oghje cunnosci un rinnovu, dopu anni è anni di disprezzu... si parlava corsu, è parlu quant’a mè, sempre oghje com’a prima incù i me frateddi è suredde, in lingua corsa...
In paese si parlava sempre corsu mà ci hani fattu pinsà che pà avè una vita più facile ci vulia sempre à parlà u francesu. È ancu l’anziani, pà e figlioli, hani poca poc’à pocu priferitu parlà di più in più in francesu, parchi ci vulià à studià è divintà qualchi d’unu.
Hè capiscitoghja, vistu a vita di tandu ch’eddi avviani avutu, sopra tuttu dopu à a guerra. È in più pinsavani alora ch’edda era a lingua di a riescita. Alora. Anc’assai i militanti pulitichi è i militanti di a lingua hanni riisciutu à fà cambià l‘affare. U muvimentu puliticu ha avanzatu è a lingua hè rivinuta.
Mà a situazione di a Corsica devi cambià parchi a lingua purtata sola da militanti, dà l’inamurati di a lingua, perchi hè a moda un pudarà salvassi, di pettu à u francisumu, à un mundialisimu.
Si parlà d’aspitta l’officialità, sicura, mà ci vularà assai tempu è a populazione di Corsica cambià... è sta populazione un’hà mica a listessa relazione incu a lingua di u populu corsu...
Alora sicund’a mè ci vole à dà u più lestru pussiblile un statutu suciale à sta lingua, osinnò si pirdarà poc’a pocu. Longa hè a lista di e lingue morte inn’u mondu oghje... é a mudernità ‘imperialista” impone l’americanisimu ò u francisimu. Eiu pensu cheddu ci vole à fà che a lingua servissi pà un travagliu, pà l‘impiegu.. Pà quissa ci vole, sicond’a mè, che sta lingua fussi piu ricunisciuta è missa in valore da quiddi ch’impiegani ghjovanni.
Per quessa ci vole che a lingua corsa fussi ricunisciuta cume “un più pà essa impiegati” .. Dipende di u puteru puliticu in Corsica è di quiddi chi hanni travagliu à prupona à i nostri ghjovanni... aspitendu a cuufficialità...




Dans la même rubrique :
< >

Livres | Musique | Evènements | Lingua corsa | Cuisine